martedì 29 novembre 2011

Autunno: colori attorno a me...

Come si fa a non desiderare di immortalare questa stagione con i suoi colori.
Tra tutte, è quella che mi scalda d più il cuore.























Un caldo abbraccio a tutte...

domenica 20 novembre 2011

Lana e ciliegie contro i dolori

Non ci credete? O vi sembra strano?
Non ci credevo neanche io, ma siccome
sono una portatrice di dolori articolari e muscolari
per via del lavoro che faccio, cercavo qualcosa che
mi avrebbe dato sollievo senza prendere medicinali,
e l'idea mi è venuta quando passando davanti ad un banchetto
al mercatino, ho visto in vendita il cuscino ai noccioli di ciliegia.
Mi sono subito detta: perchè non provarci? I noccioli di ciliegia
al loro interno hanno una sorta di bolla d'aria che trattiene il calore
e lo rilascia lentamente. Così, quando è stato
il momento di mangiare le ciliegie, invece di buttare i noccioli
li ho messi da parte, lavati e spazzolati per togliere tutti i residui
(un lavoraccio credetemi), e messi a tostare per bene in forno.
Poi sono andata in merceria, ho comperato un pezzo di stoffa
(cotone bello tosto) e ne ho cucito una federa mettendoci tutti i noccioli
dentro, ma ho fatto un buco nell'acqua perchè il cotone trattiene
poco il calore e si raffreddava subito. Ho accantonato il lavoro
per un pò (d'estate niente dolori) fino a dimenticarmene finchè i dolori,
specie sulle spalle sono tornati. Ed ho avuto un'idea! lana merinos.
trattiene il calore e assorbe l'umidità. Ottima combinata con i noccioli
per alleviare, con il calore, il dolore. Ne ho fatto un sacchettino e l'ho riempito:


















Ma siccome non tutte le ciambelle riescono con il buco,
oppure sono semplicemente io una pasticciona, sono riuscita
a rovinarlo alla prima prova d'uso, volete sapere come?

















L'ho bruciato scaldandolo in padella!! Sono una frana lo so :(
Sapeste quanto ci sono rimasta male! Ma io non volevo assolutamente
rinunciare al mio cuscino antidolorifico, ma come potevo fare di
domenica a trovare della lana? Meno male che ogni tanto un paio di
neuroni si incontrano, discutono, e si fanno venire un idea: un vecchio
maglione di lana è l'ideale, basta tagliare una manica. Guardate:


















L'ho rivoltata, cucito il lato tagliato con l'ago da lana e un bel filo di cotone grosso,
rivoltata di nuovo, riempita con i noccioli, e unito i bordi con lana e uncinetto.


Proprio ora, mentre sto scrivendo ce l'ho sulla spalla
sinistra, quella che mi duole di più, e sapeste che sollievo e che goduria!
Naturalmente ho imparato la lezione e l'ho fatto scaldare nel forno
acceso mentre cuoce la focaccia. Vi piace la mia idea?
Copiatela è semplice ed efficace. 
Una nuova settimana sta per iniziare, vi auguro che sia
buona. Arrivederci!

P.S. Grazie a lei ho saputo che c'è stata la settimana europea dedicata
al riciclo che, vivendo nella periferia di una piccola città, mi è
completamente sfuggita. La sensibilizzazione va bene, è un ottima cosa
ma deve arrivare a tutti e per sempre, ogni giorno della nostra vita. 
Non basta una settimana per educare un uomo a rispettare la natura
ma ci vuole una vita per sradicare dalle nostre menti "usi e costumi"
errati. Nel posto dove lavoro ad esempio, hanno messo la differenziata
ovunque, ogni 5 passi praticamente, da almeno un anno ma c'è gente 
che continua a gettare le bottigliette dell'acqua, ad esempio, dove capita.
Questo per far capire che una Settimana non basta per salvare il pianeta.
A presto e Buon riciclo a tutti!!!!!!

mercoledì 16 novembre 2011

ancora saponette




Questa volta sono purificanti al rosmarino e argilla verde.
Le 8 settimane di stagionatura finiscono proprio a Natale.
Volete la ricettina? Ok:
120 gr olio oliva
120 gr olio cocco
30 gr olio riso
30 gr burro di cacao
La soda (non ricordo la dose : P )
l'ho sciolta nel decotto di rosmarino (anche di questo non ricordo la dose)
e l'argilla l'ho aggiunta al nastro, un cucchiaino
mescolato ad un pò di olio di argan.
Incrocio le dita e speriamo siano buone!
Vi abbraccio tutte!!!!!!

mercoledì 9 novembre 2011

Belli, buoni, dolci, cupcake

E pensare che quando una mia amica mi parlava di loro
li ho snobbati, ma poi li ho fatti ed è stato amore...


















Se vi sembrano fantastici così, dovreste mangiarli allora.
Piccoli, teneri, coccolosi.... Vi do la ricetta va:
120 gr di burro morbido
2 cucchiai di cacao amaro
80 grammi d cioccolato fondente
120 gr di farina 00
1 cucchiaino di lievito per dolci
2 uova
120 gr di zucchero
Montare il burro ammorbidito a temperatura ambiente con lo zucchero
ed aggiungere uno alla volta le uova continuando a sbattere bene bene.
Otterrete un composto morbido e spumoso al quale aggiungerete
il cioccolato fondente fatto sciogliere a bagnomaria mescolando
con una spatola o un cucchiaio di legno. Setacciare la farina insieme al
cacao amaro e il lievito ed unirla al composto sempre mescolando delicatamente.
Avrete tra le mani una mousse che vi verrà voglia di mangiarla così com'è,
invece dovrete riempirci i pirottini di carta per 2/3 e infornarli a 170°
per 10/15 min ( i pirottini che ho usato erano di quelli piccoli, sono usciti
40 cupcake). Ora vi dico come fare il frosting, ovvero quella cremina che
decora queste piccole meraviglie. In giro per la rete ne esistono di tutti
i gusti e consistenze, io ho scelto quello al mascarpone e si fa così:
120 gr di mascarpone
120 ml di panna da montare
25 gr di zucchero a velo
Unire il mascarpone allo zucchero a velo e a parte montare la panna
a neve ben ferma, e unire i due composti mescolando delicatamente
per non smontare la panna. Decorare i cupcake aiutandovi
con una tasca da pasticcere e la vostra fantasia.
Buon appetito amiche <3

sabato 5 novembre 2011

recensione olio di rosa mosqueta di Aroma Zone

Buon Weekend amiche. Per tutto il mese di ottobre ho usato
sul viso, dopo la pulizia con i saponi fatti da me, al posto
della crema, l'olio di rosa mosqueta acquistato on line su Aroma Zone
questa estate. Ero molto scettica al riguardo: usare un olio sul viso!
e se poi la pelle si secca di più? e se mi escono i brufoli, o i punti neri
o i grani di miglio? e se mi macchia la pelle, come ho letto che a qualcuna è
accaduto? L'unico modo per risolvere questi dubbi era provare
sulla mia pelle...


L'olio si presenta di un colore arancione acceso e puzza di sarde,
ma l'odore per fortuna va via subito. Spalmato sulla pelle
mi accorgo che è secco, si stende bene e non unge e lascia la
pelle letteralmente di seta, è morbidissima e liscissima al tatto.
Niente brufoli, nessun punto nero (oltre a quelli che ho già sul naso)
e niente macchie, la pelle non si secca ulteriormente ma su questo devo
aprire una piccola parentesi. Per mia fortuna non ho una pelle complicata
non è ne secca ne grassa, non ho acne ne altri problemi di sorta e da quando
mi lavo con il sapone non la sento neanche più tirare.
Unica pecca dell'usare l'olio sul viso è che si ingrassano i capelli,
bisogna stare attenti a non applicarlo vicino alle attaccature, e,
come nel mio caso, sulla fronte in presenza di un ciuffo o una frangia,
 perchè i capelli se lo assorbono letteralmente
come una spugna, e si ungono.
Dal mese di novembre invece ho iniziato ad usare
l'olio di argan sul viso, sempre di Aroma Zone...
Vi farò sapere. Un bacio a tutte e buon fine settimana <3

mercoledì 2 novembre 2011

sapone latte e caffè

Buongiorno carissime, oggi vi voglio presentare un nuovo sapone:
dolce e leggermente esfoliante al latte e polvere di caffè.
Fatto con olio di oliva e olio di cocco, aggiungendo caffè
in polvere al nastro, e facendo sciogliere la soda nel latte
congelato (il latte contiene naturalmente zuccheri che
a contatto con la soda potrebbe avere una reazione
"esplosiva"). 



 









Speriamo siano buone tanto quanto sono belle ;)
Un bacio a tutte