domenica 20 novembre 2011

Lana e ciliegie contro i dolori

Non ci credete? O vi sembra strano?
Non ci credevo neanche io, ma siccome
sono una portatrice di dolori articolari e muscolari
per via del lavoro che faccio, cercavo qualcosa che
mi avrebbe dato sollievo senza prendere medicinali,
e l'idea mi è venuta quando passando davanti ad un banchetto
al mercatino, ho visto in vendita il cuscino ai noccioli di ciliegia.
Mi sono subito detta: perchè non provarci? I noccioli di ciliegia
al loro interno hanno una sorta di bolla d'aria che trattiene il calore
e lo rilascia lentamente. Così, quando è stato
il momento di mangiare le ciliegie, invece di buttare i noccioli
li ho messi da parte, lavati e spazzolati per togliere tutti i residui
(un lavoraccio credetemi), e messi a tostare per bene in forno.
Poi sono andata in merceria, ho comperato un pezzo di stoffa
(cotone bello tosto) e ne ho cucito una federa mettendoci tutti i noccioli
dentro, ma ho fatto un buco nell'acqua perchè il cotone trattiene
poco il calore e si raffreddava subito. Ho accantonato il lavoro
per un pò (d'estate niente dolori) fino a dimenticarmene finchè i dolori,
specie sulle spalle sono tornati. Ed ho avuto un'idea! lana merinos.
trattiene il calore e assorbe l'umidità. Ottima combinata con i noccioli
per alleviare, con il calore, il dolore. Ne ho fatto un sacchettino e l'ho riempito:


















Ma siccome non tutte le ciambelle riescono con il buco,
oppure sono semplicemente io una pasticciona, sono riuscita
a rovinarlo alla prima prova d'uso, volete sapere come?

















L'ho bruciato scaldandolo in padella!! Sono una frana lo so :(
Sapeste quanto ci sono rimasta male! Ma io non volevo assolutamente
rinunciare al mio cuscino antidolorifico, ma come potevo fare di
domenica a trovare della lana? Meno male che ogni tanto un paio di
neuroni si incontrano, discutono, e si fanno venire un idea: un vecchio
maglione di lana è l'ideale, basta tagliare una manica. Guardate:


















L'ho rivoltata, cucito il lato tagliato con l'ago da lana e un bel filo di cotone grosso,
rivoltata di nuovo, riempita con i noccioli, e unito i bordi con lana e uncinetto.


Proprio ora, mentre sto scrivendo ce l'ho sulla spalla
sinistra, quella che mi duole di più, e sapeste che sollievo e che goduria!
Naturalmente ho imparato la lezione e l'ho fatto scaldare nel forno
acceso mentre cuoce la focaccia. Vi piace la mia idea?
Copiatela è semplice ed efficace. 
Una nuova settimana sta per iniziare, vi auguro che sia
buona. Arrivederci!

P.S. Grazie a lei ho saputo che c'è stata la settimana europea dedicata
al riciclo che, vivendo nella periferia di una piccola città, mi è
completamente sfuggita. La sensibilizzazione va bene, è un ottima cosa
ma deve arrivare a tutti e per sempre, ogni giorno della nostra vita. 
Non basta una settimana per educare un uomo a rispettare la natura
ma ci vuole una vita per sradicare dalle nostre menti "usi e costumi"
errati. Nel posto dove lavoro ad esempio, hanno messo la differenziata
ovunque, ogni 5 passi praticamente, da almeno un anno ma c'è gente 
che continua a gettare le bottigliette dell'acqua, ad esempio, dove capita.
Questo per far capire che una Settimana non basta per salvare il pianeta.
A presto e Buon riciclo a tutti!!!!!!

6 commenti:

  1. Prendo appunti ;)
    Solo che...dove li prendo i noccioli adesso? Uff!
    Dovrò aspettare le prossime ciliegie :P

    Peccato che il primo cuscino sia andato in "fumo"...
    Chissà..nel forno a microonde?

    Baci....

    M.

    RispondiElimina
  2. Grazie per la partecipazione all'iniziativa del mio blog! :)

    RispondiElimina
  3. @Mariuccia, prima o poi mi dovrai spiegare come fai a mettere i cuoricini...comunque, il cuscino funziona alla grande! Lo adoro, solo che non avendo il microonde lo devo scaldare in forno. Il micro va sicuramente meglio.

    @Lineecurve, prego, è un piacere e un onore per me

    RispondiElimina
  4. Ciao!! Un'ottima idea, complimenti! Io uso anche il riso integrale..funziona benissimo, così come il sale grosso da cucina (quest'ultimo sì che andrebbe scaldato a secco in padella e poi messo in una pezzuola di lana o un pezzo di vecchio maglione)
    A presto!
    Carmen

    RispondiElimina
  5. bella l'idea di inserirli in "buste" all'uncinetto!!!
    Eeee complimenti per come hai rimediato al danno =)))
    Silvia di toccodililla

    RispondiElimina
  6. @Bilibina, del sale lo sapevo anche io; infatti lo scaldavo in padella, appunto, e lo mettevo in un calzino di lana, poi me lo poggiavo sulla schiena stesa nel letto, a un certo punto mi sono trovata il letto pieno di sale. Hehe.

    @Silvia,grazie per i complimenti, avevo proprio una forte esigenza di quel cuscino...
    Grazie ragazze per esser passate da me <3

    RispondiElimina