mercoledì 29 febbraio 2012

una riflessione

Ho sempre come l'impressione che il mio blog non funziona come dovrebbe/vorrei.
Li leggo i vostri blog, li vedo, e sono belli: grafica accattivante, post scritti a regola d'arte,
fotografie fantastiche, ognuna di voi ha il suo posto qui, quello giusto. Ognuna di voi ha un ruolo,
e lo svolge egregiamente, con devozione e passione fino ad ottenere grandi risultati.
L'impressione che ho di questo blog è che sia mediocre, parla di tutto e di niente, è probabile che non sia brava a fare recensioni, ne i dolci ne i miei lavoretti all'uncinetto, o magari sono solo le foto che non vanno; bah.
Parlo poco di me, questo è vero, faccio parlare le immagini che in realtà non dicono molto, oltre a far vedere quello che faccio, ma è che volevo un blog positivo, e se parlassi di me sarebbe un disastro. Non ho una vita facile, sono depressa per la maggior parte della giornata, ho un lavoro che mi distrugge e sono piena di dolori e di debiti. Non vado in vacanza e non faccio gite fuori porta, non ho amici: che se ne fanno di una che non può permettersi neanche un giro la Domenica o un happy hour al bar, o un vestito nuovo da mostrare...
Con questo blog volevo un posto di me e per me che sia positivo, che mi mostri la parte di me che agisce, che fà e non che mangia, ingrassa e piange...
Volevo che aprendolo avrei visto un Alessandra che mi piace.
Vabbè la smetto, sto diventando patetica, ma avevo bisogno di questo sfogo, in realtà ho bisogno di un confronto con voi, magari vi scappa un consiglio, un segreto su come far funzionare un blog, questo blog.
A presto ;)

mercoledì 22 febbraio 2012

Di cuori, di pupazzi, e di patate arrosto












Per il tutorial del cuoricino potete sbirciare qui
per il cane, è stata un'improvvisata, non so come ho fatto ;)
per le patate: le ho tagliate a fettine senza incidere la base, le ho sciacquate per bene
ho salato, pepato e aromatizzato con rosmarino e olio d'oliva
disposte su teglia con carta forno e fatte cuocere a 200° un'ora circa (forse anche più).





venerdì 17 febbraio 2012

Ho imparato una nuova tecnica

e me ne sono innamorata! Adoro le piastrelle, le granny square per intenderci, e tutto quello che si può creare con loro, ma il cambio di colore classico limitava un pò con le combinazioni. Invece ora, dopo aver visto un meraviglioso video sul tubo, si possono fare piastrelle bicolor diverse dalle solite.
Guardate:

















E questo è il video in questione:



E ora largo alla manualità per fare coperte come queste:


Oppure alla fantasia, per creare nuovi e fantastici motivi colorati!

giovedì 16 febbraio 2012

Un premio

Grazie ad Alsiva che mi ha dato questo premio:









é sempre bello riceverne uno, segno che a qualcuno piaci...
e se c'è anche solo una persona che mi legge e mi apprezza,
allora vale la pena continuare. Molte di voi sono vere artiste,
grandi creative, dal nulla creano tutto il creabile, appassionate
e instancabili donne, madri, figlie, lavoratrici e grandi
amministratrici del loro tempo e della loro vita.
Ecco, a chiunque di loro passerà di qui
voglio dedicare questo premio: lo meritano ampiamente!

Ora so che devo dire sette cose di me
iniziamo:

1* Il mio più grande desiderio è quello di poter mangiare ogni sorta di schifezza senza ingrassare. In realtà già        
     lo faccio, ma ahimè, ingrasso.
2* sono una persona riservata, difficilmente parlo di me
3* ho una bassa opinione del genere umano (ma sto cercando di rimediare)
4* sono pigra
5* amo dormire fino a tardi
6* non sopporto gli opportunisti
7* Amo la vita, nonostante tutto.

Detto questo non voglio chiudere questo post senza una foto,
così ne metto una della mia gattina augurandovi buona vita.

lunedì 13 febbraio 2012

La Ciciricchiata: una fotoricetta

Sono qui, che mangio il mio adorato crumble di mele caldo,
e vi presento un tipico dolce (un altro) del periodo carnevalesco:
La ciciricchiata.
Questi gli ingredienti:
240 gr di farina
20 gr di zucchero
2 uova
20 gr di burro
1 cucchiaio di vino bianco secco
100 gr di miele
olio di oliva per friggere
mandorle e zuccherini colorati per guarnire

disporre la farina a fontana e mescolarvi pian piano tutti gli ingredienti fino a formare un impasto liscio e compatto. Con un pò di impasto formare una striscia con le mani, tipo un matitone

















e ricavarne poi delle palline grandi come ceci.

















Una volta fatte tutte le palline friggerle in abbondante olio usando una padella bella ampia,
altrimenti friggerle in due tempi.


















Appena prenderanno un colore delicatamente dorato metterle a scolare su carta assorbente

















Intanto versare in una pentola il miele e rovesciarci dentro le palline e le mandorle (io non le uso), girandole bene bene per amalgamare il tutto a fiamma alta per qualche minuto.

















La prossima operazione va fatta con una certa velocità e attenzione. Bisogna versare tutto su carta forno e con le mani dare al composto una forma a ciambella.
Scotta, vi avviso; quindi o vi bagnate le mani in acqua fredda spesso, oppure usate due cucchiai di legno come faccio io, per plasmare la ciambella.


































Qui mi è scappato un pò troppo miele, e si vede. Purtroppo ho la mania di pesare diverse cose "a occhio", sbagliando ovviamente. A questo punto potete farci cadere sopra una pioggia di zuccherini colorati e se vi piace, gocce di cioccolato ( io li avevo finiti...).
C'è una terza alternativa per non scottarvi le mani e non rischiare di far venire fuori una forma brutta come la mia, versare con un cucchiaio il composto nei pirottini di carta, e non vi si attaccheranno neanche le dita quando lo mangerete.
Ah dimenticavo! Ci sarebbe anche una quarta alternativa che non prevede l'uso del miele delle mandorle e degli zuccherini, ottimo come passatempo davanti alla tv. Quando le palline sono scolate dall'olio versatele in un vassoio e cospargetele di zucchero a velo e mangiatele una dopo l'altra come fossero pop corn; davvero sfizioso. Buon Appetito!

P.S. Non ci posso credere, ho dimenticato la quinta alternativa!
Ve la faccio vedere:

















Ho fuso il cioccolato fondente a bagno maria e l'ho amalgamato alle palline.
Chissà che non mi venga n mente una sesta alternativa...
Intanto gustavi queste 5
Bye bye ;)

venerdì 10 febbraio 2012

nevica ancora e io che faccio?...

...Dolci ovviamente! Questa è la mia versione di questa fantastica torta
Niente di meglio con questo tempo, sia nel farla che a mangiarla:





Secondo voi com'e?

martedì 7 febbraio 2012

Fuori nevica e io faccio dolci

Penso che i prossimi post saranno culinari, con il tempo così mi sento più ispirata a far dolci:



Questa è la torta di rose alla nutella
La ricetta originale prevede che ci sia crema al burro
ma la nutella è sempre la nutella. Ora vi dò la ricetta:

320 gr di farina 00,
70 gr di zucchero,
20 gr di burro,
20 gr di lievito di birra,
2 tuorli,
1 bicchiere di latte

Procedimento:
Versare in una ciotola 3 cucchiai di latte tiepido, sciogliere al suo interno il lievito incorporando il burro e 50 gr di farina. Mescolare e lavorare fino ad ottenere una pallina di pasta, coprirla con un canovaccio e lasciar lievitare per 40 minuti.
Trascorsi  i 40 minuti, unire al panetto 250 gr di farina, lo zucchero e i tuorli.
Amalgamare aggiungendo un pò di latte tiepido fino ad ottenere un impasto abbastanza sodo ma soffice tipo l’impasto della brioche.
se preferite potete farcirla con la crema di burro (80 gr di burro e 70 gr di zucchero sbattuti creando un composto spumoso)
Stendere sulla spianatoia la pasta e con il mattarello formare un rettangolo di pasta e spalmare la nutella o la crema pasticciera o la crema al burro.
arrotolare la pasta formando un salame.
Tagliare il rotolo a fette spesse. Disporre la prima fetta al centro di una tortiera imburrata e zuccherata e le altre intorno a cerchio distanziandole un pò.
Coprire con una coperta la torta e lasciarla lievitare per 2 ore circa.
Dopo la lievitazione ogni girella di pasta gonfiandosi si avvicinerà all’altra formando tanti boccioli di rosa.
Spennelare la torta delle rose con un pò di latte e cuocere in forno già caldo a 180° per 30/40 minuti.
Coprire con della carta forno se prima della fine della cottura, la torta delle rose dovesse iniziare a colorarsi troppo.
Cospargere la torta delle rose con dello zucchero di canna mentre è ancora calda. Lasciar raffredare e servire :P

La ricetta l'ho trovata su internet ed ho fatto la prima che mi è capitata, altrimenti rischiavo di perdermi tra le diverse versioni e non combinare più nulla.
Questo è il blog di provenienza della ricetta, dateci un occhiata ;)

sabato 4 febbraio 2012

Grazie, ma anche scusa...

Grazie a fairykiss, La fatina che giorni fa mi ha nominato per un premio:



E chiedo umilmente scusa all'altra fatina, quella che mi ha conferito lo stesso premio
ma della quale non riesco a ricordare il nome del blog. Ricordo anche di aver commentato ringraziandola
e dicendole che ne avrei parlato e avrei così nominato le 5 blogger con meno di 200 follower alle quali avrei girato il premio. Sono desolata :(
Giro questo premio a loro:


Vi voglio lasciare con altre foto della neve, a me piace, da pace...
















Ora vado a passeggiarci un pò in mezzo...

venerdì 3 febbraio 2012

cosa ho visto oggi da casa mia

Questo era il panorama:






























Nevica ininterrottamente da ieri notte, ora il paesaggio è già diverso da quello che vedete in queste foto.
Spero solo che non vada via la luce. Per ora nessun disagio per me visto che non devo uscire con l'auto ed ho anche un piccolo negozio d'alimentari vicino casa (l'unico nel giro di 3 km). Riuscirò ad aprire la porta domattina?